Irene Tallone

Cesare Tallone, Irene con le ciliegie. Accademia Carrara di Bergamo
Cesare Tallone, Irene con le ciliegie. Accademia Carrara di Bergamo

 

Irene Tallone

(Bergamo 16.1.1889 – Milano 4.4.1905)

 

di

Gigliola Tallone

www.archiviotallone.it

Novembre 2022

 

Irene, la primogenita di Eleonora e Cesare Tallone, era la luce degli occhi di suo padre, la sua modella preferita, da lui ritratta innumerevoli volte sempre disposta alle lunghe pose per compiacerlo.Era una bambina fragile di salute, ma di forte determinazione e di intelligenza precoce. Dotata di grande sensibilità musicale era avviata allo studio del pianoforte al Conservatorio a Milano l’anno della sua morte. Di lei mi parlano i ricordi intrisi di tristezza dei miei, e le poesie che la zia Virginia le ha dedicato, alcune pubblicate, altre così intime da restare nascoste tra le carte come petali di fiori che si mettono tra i fogli a seccare e a ricordare. Soprattutto mi parlano di lei i ritratti del padre. Una piccola creatura involata prima di diventare donna.

Mentre cerco le foto dei suoi ritratti trovo la brutta copia di una lettera che scrissi a Pupi Avati, uno dei più sensibili registi italiani. Mi aveva contattato per comunicarmi di avere scelto per una scena di un suo film una immagine del ritratto di Irene che il padre Cesare aveva eseguito alla sua prima comunione, ritratto che si trova al Museo d’Arte Moderna di Roma.

 

Cesare Tallone con la figlia Irene neonata, foto dell’allievo Pellizza da Volpedo,Fondazione Pellizza da Volpedo
Cesare Tallone con la figlia Irene neonata, foto dell’allievo Pellizza da Volpedo, Fondazione Pellizza da Volpedo

 

Il padre Cesare mentre ritrae la figlia Irene

 


 

Gigliola, Giovedì 2 gennaio 2014

Irene

Caro Pupi, questa nostra “misteriosa” Irene non può “pasar por alto” come si dice qui in Spagna, mi intriga davvero e risveglia la mia natura di ricercatrice… del resto, per me non esiste il caso, e finché non raggiungo il senso di certi accadimenti non sono in pace. In fondo, il mistero è il motore della mente, la scintilla dell’intelligenza.
Il cammino è vago, intuitivo, circolare come quello dei sogni e delle fiabe, un viaggio che porta però sempre risultati, che è il senso della nostra vita. Non so dove tu abbia visto l’immagine e perché ti abbia tanto attratto da inserirla nel tuo film. La coincidenza che io abbia scelto Irene per la copertina del mio libro, a pensarci bene, ci ha fatto conoscere e ne sono felice.
Ti parlerò di Irene, la primogenita, la modella che ha ispirato il padre in decine di ritratti sublimi. Era una bambina bellissima e di intelligenza precoce, amava la musica e ed era iscritta l’anno della sua morte, a 16 anni, al Conservatorio di Milano. Zia Virginia, sorella della madre di Irene le dedica strazianti poesie “Giovine fata dalla caste forme nessun sapea qual’era il tuo sognare…”

Nata il gennaio del 1889 è morta l’aprile del 1905. Il 1897, data del ritratto col vestito della prima comunione, aveva 8 anni. Era stato acquisito, all’esposizione veneziana di quell’anno, dal Museo d’Arte Moderna di Roma, dove si trova tutt’ora. Tra i figli Tallone era quella che più ha frequentato Roma. Zia Virginia la portava con sé nella casa dei nonni di via Cavour 32 per lunghi periodi, per alleviare la stanchezza della sorella Eleonora impegnata in gestazioni annuali.
Il suo soprannome era “Pia”, la sua dolcezza e soavità e la sua precoce intelligenza incantavano chi le stava intorno “come potesti mai così fuggire nel tuo primo fiorire o tu ch’eri si lieta e così ignara del male che pel mondo è seminato, tu che l’arte paterna alta ispiravi tu che avevi una Madre?”… “eri fonte soave, astro d’amore ramo d’olivo santo e benedetto”….
Io so perché ho scelto il ritratto suo per la copertina: era la prediletta del padre, e tutti i suoi ritratti sono splendenti, la parte più intima della bambina, più severa, più seria, quasi in contemplazione – lei che normalmente era sempre sorridente – era portata sulla tela, come un silenzioso accordo tra padre e figlia. Sempre come assorta in pensieri alati.
L’opera poi, mi incantava per come erano trattati i bianchi, difficilissimi da ottenere in pittura; Tallone ai suoi allievi diceva di cercare il bianco più bianco del bianco (e il nero più nero del nero) perché la luce cambia sostanzialmente quel colore senza colore. Vedi, un legame in più è Roma, anche se si trattava della Roma capitale degli anni ’90 dell’800.

Ti saluto con un abbraccio

Gigliola.

 


 

Cesare Tallone, Ritratto di Irene alla prima comunione, Museo d’Arte Moderna di Roma

 

Copertina del libro “Cesare Tallone”, Electa

 


 

Poesia di Virginia Tango Piatti scritta per Irene dodicenne, inviata con una lettera
alla sorella Eleonora, 1901

 

V’è una tua letterina

bimba, tra le mie carte,

una lettera breve

scorretta ed imbrattata

d’inchiostro. O scolarina

sempre come si deve

diligente e garbata,

tu meriti tre punti e nulla più…

No, cara

Non la metto in disparte.

La voglio qui. È macchiata,

ed è scorretta, è vero,

ma sembra cosa rara

tra questi fogli. Il nero

dell’inchiostro nasconde

il tuo riso fidente,

e i madornali errori

agli sgorbi congiunti

la fanciullesca mente

che con tutto trastulla.

Lasciala! Che all’infuori

di ciò, nulla m’allieta

fra questi scritti, nulla!

Lasciala, è cosa rara!

Qui, tra mille dolori

e amarezze profonde,

palpita una segreta

speranza, ma sì vana,

forse, e così lontana,

che a me, triste scolara

della vita, due punti

merita e nulla di più…

 

 


 


Cesare Tallone, ritratto della figlia Irene “Invocazione”

 


 

Poesia che Virginia non ha pubblicato e che non posso leggere tutta senza commuovermi, ne estrapolo una parte:

 

…Figlia leggiadra fra le più leggiadre

Nessun sapeva il sogno che sognavi

nessuno mai credeva

che l’occhio glauco limpido e vivace

dove forse d’amore il primo lampo

ingenuo sorrideva,

da l’eterno sigillo era fermato.

Come potesti mai così fuggire

nel tuo primo fiorire

o ti ch’eri sì lieta e così ignara

del male che pel mondo è seminato,

tu che l’arte paterna alta ispiravi

tu che avevi una Madre?

Il nome tuo recava il senso eletto di pace…

 

 


 

Eleonora Tallone

 


 

Acquaforte di Cesare Tallone, La figlia Irene (Prova d’artista, esemplare unico)

 

Cesare Tallone, Irene ammalata

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *