IL NUOVO NUMERO DEL MAGAZINE DEGLI UFFIZI SI SCARICA DAL SITO UFFICIALE


I gioielli nei ritratti femminili di Raffaello e la collezione degli autoritratti tra i protagonisti del numero di maggio di Imagines.

Il direttore Schmidt: “La ricerca scientifica rende vivo il museo, e deve essere alla portata di tutti”

Gli Uffizi proseguono la loro missione di diffusione e ricerca scientifica sull’arte, senza farsi fermare dalla pandemia. Non solo, dunque,mostre online e video: l’intrattenimento colto e l’informazione vengono regolarmente affiancati da approfondimenti e studi, pubblicati nella rivista Imagines, con saggi e contributi dedicati a temi artistici e museali da parte distorici dell’arte e archeologidi ogni nazionalità.

L’ultimo numerodi Imagines esce oggi ed è consultabile sul sito web ufficiale delleGallerie degli Uffizi (all’indirizzo:

https://www.uffizi.it/pagine/archivio-dei-numeri-di-imagines

scaricabile gratuitamente).

Il numero di maggio consta di circa duecento pagine firmate da nove autori e spazia dalla statuaria classica fino agli esperimenti cromatici di Carlo Lasinio, alla fine del Settecento, e alle celebrazioni per il cinquecentenario della nascita di Donatello iniziate nel 1886. Si inizia subito con temi brillanti, in ogni senso: l’articolo di Fabrizio Paolucci, curatore dell’arte classica e coordinatore delle iniziative scientifiche delle Gallerie degli Uffizi, è dedicato alle dorature nella statuaria antica del Museo, con i risultati di un decennio di ricerche tra le Veneri auree, l’egida aurea di Minerva, Eros Chrysopteros, le Menadi danzanti, il Vaso Medici e il busto dell’imperatore Adriano.

Silvia Malaguzzi, autrice di un saggio sui gioielli nel catalogo della mostra su Raffaello alle Scuderie del Quirinale, ritorna sul tema con nuovi argomenti,occupandosi nello specifico dei ritratti delle “donne di Raffaello” agli Uffizi e a Palazzo Pitti–Elisabetta Gonzaga, Maddalena Doni e La Velata–identificando i loro gioielli e decifrandone il significato.

Un quartetto di saggi è dedicato agliautoritratti, preparando il terreno all’apertura, nei prossimi mesi, delle sale al primo piano della Galleria delle Statue e delle Pitture destinate ad accogliere proprio la straordinaria collezione delle Gallerie degli Uffizi, unica al mondo per ampiezza e portata storica.L’argomento è trattato da GailFeigenbaum, storica dell’arte e responsabile scientifica del GettyResearchInstitute di Los Angeles (che si concentra sugli autoritratti attribuiti ad Annibale Carracci, agli Uffizi e altrove), da Annalena Döring(sulle incisioni eseguite alla fine del Settecento da Carlo Lasinio) da Isabell Franconi (orientata su ambiti più teorici come la definizione del termine “somiglianza” nel Settecento) e da Anna Maria Procajloche partendo dalla figura del cardinal Leopoldo De’ Medici (1617–1675), primo iniziatore della raccolta,analizza la sua ricerca sistematica del “ritratto fatto di sua propria mano”.

Il saggio di Giulia Cocoha per soggetto le celebrazionifiorentine nel 1887per il  cinquecentenario della nascita di Donatello, e ripercorre gli eventi e le polemiche che accompagnarono il progetto di un monumento allo scultore commissionato a Urbano Lucchesi e mai eseguito (il modello in gesso potrebbe essere quello ora alle Scuderie Lorenesi di Palazzo Pitti): riprova che la moda di festeggiare le grandi ricorrenze, tra trionfalismi e proteste, non è solo una caratteristica degli ultimi tempi. A chiusura di questo numero della rivista è l’articolo diGianluca Sposato sulle vicende conservative, collezionistiche e museografiche legate alla serie degliUomini illustri di Andrea del Castagno agli Uffizi, per la quale è attualmente in corso una campagna di restauro.

Sul sito delle Gallerie, all’indirizzo sopraindicato, sono liberamente scaricabili anche tutti i precedenti numeri di Imagines.

“È il quarto numero della nostra rivista, nata nel 2017– spiega il direttore degli Uffizi Eike Schmidtche raccoglie studi scientifici e articoli scritti dai maggioriesperti e storici dell’arte su argomenti inerenti le nostre collezioni e le loro vicende. Le Gallerie degli Uffizi, costantemente, non solo si occupano della tutela delle loro magnifiche opere, ma sono anche un centro attivo di ricerca ad altissimo livello.

I risultati del nostro lavoro, pubblicati e condivisi sul nostro sito web, sono destinati a studiosi e ad appassionati di arte, ma speriamo che possano anche catturare l’interesse di qualche visitatore occasionale della rete. Lo studio delle opere e della loro storia protegge il patrimonio, rende vivo il nostro Museo, e deve essere messo alla portata di tutti,democraticamente”.

IN QUESTO NUMERO DEL MAGAZINE DEGLI UFFIZI ‘IMAGES’:

EIKE D. SCHMIDT
TRA SPECCHIO E SMARTPHONE: UNA PARTITA DA VEDERE

FABRIZIO PAOLUCCI
MARMORA AURATA: L’USO DELLA DORATURA NELLA STATUARIA CLASSICA DELLE GALLERIE DEGLI UFFIZI: I RISULTATI DI UN DECENNIO DI RICERCHE

SILVIA MALAGUZZI
RAFFAELLO E I GIOIELLI ALLE GALLERIE DEGLI UFFIZI: ELISABETTA GONZAGA, MADDALENA DONI E LA VELATA

GAIL FEIGENBAUM
AN EVANESCENT CORPUS OF SELF-PORTRAITS BY ANNIBALE CARRACCI IN THE UFFIZI

ANNALENA DÖRING
GLI ESPERIMENTI CROMATICI DI CARLO LASINIO

ISABELL FRANCONI

“RIDURRE A MAGGIOR PERFEZIONE E SOMIGLIANZA?”: LA MODALITÀ DI RICEZIONE DEGLI AUTORITRATTI D’ARTISTA DEGLI UFFIZI NEL MUSEO FIORENTINO E LA DEFINIZIONE DEL TERMINE “SOMIGLIANZA” NEL SETTECENTO

ANNA MARIA PROCAJLO

LEOPOLDO DE’ MEDICI E LA SUA RICERCA SISTEMATICA DEL “RITRATTO FATTO DI SUA PROPRIA MANO”

GIULIA COCO
“A DONATELLO NELL’ARTE RINASCENTE SCULTORE”: L’OMAGGIO DELL’ACCADEMIA DELL’ARTE DEL DISEGNO A CINQUECENTO ANNI DALLA NASCITA

GIANLUCA SPOSATO
GLI UOMINI ILLUSTRI DI ANDREA DEL CASTAGNO ALLE GALLERIE DEGLI UFFIZI: VICENDE CONSERVATIVE, COLLEZIONISTICHE E MUSEOGRAFICHE

Ufficio stampa Gallerie degli Uffizi

Opera Laboratori Fiorentini – Civita

Andrea Acampa, tel. 055 290383, cell. 348 1755654, a.acampa@operalaboratori.com

Tommaso Galligani, tel. 055 290383, cell. 3494299681, t.galligani@operalaboratori.com

Articoli correlati

Gli Uffizi, Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli aperti per Ferragosto Leggi articolo
Addio a Odoardo Hillyer Giglioli Leggi articolo
Anneke de Vries: Sulla posizione originale di un affresco di Gherardo Starnina Leggi articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *