I Friends si raccontano… il Ratto delle Sabine fu l’inizio

Il progetto, realizzato fra 2001 e 2002, fu il primo  intervento di Friends of Florence in città; fu suggerito alla Presidente dall’allora Soprintendente al Polo Museale Fiorentino Antonio Paolucci e interessò tutte le sculture marmoree presenti nella Loggia dei Lanzi, incluso il Ratto delle Sabine realizzato da Giambologna.

“Questo fu il primo progetto di restauro che Friends of Florence ha sostenuto attraverso il dono di Ellie e Edgar Cullman Jr e della famiglia Michael J Collins. Siamo stati coinvolti dall’allora Soprintendente al Polo Museale Fiorentino il Prof. Antonio Paolucci che ringraziamo di cuore per averci offerto la nostra prima opportunità di salvaguardare le opere di Firenze e della Toscana.

Da qui non ci siamo più fermati e siamo orgogliosi di aver proseguito la attività a sostegno della nostra missione realizzando in questi 22 anni oltre duecento progetti e collaborando con gli enti proprietari delle opere, quelli preposti all’Alta Sorveglianza di questo immenso patrimonio e con i restauratori che hanno realizzato ogni nostro intervento.”


Buon viaggio!
Simonetta Brandolini d’Adda 
Presidente di Friends of Florence 

Articoli correlati

Il restauro della Testa di cavallo Medici Riccardi Leggi articolo
Roberto Riccardi presenta la mostra “Storie di Pagine Dipinte” a Pitti Leggi articolo
Storie di pagine dipinte. Miniature recuperate dai Carabinieri: in mostra a Palazzo Pitti Leggi articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *